Home

Preseleziona la ricerca

Luoghi dello spirito in Irpinia

Da Mercogliano ad Ariano Irpino, passando per Montella, Sant'Angelo dei Lombardi e Grottaminarda

Un itinerario dedicato allo spirito e alla fede, tra le montagne del territorio irpino. Luoghi di culto dove pregare, ma anche semplicemente stupirsi di fronte a paesaggi che tolgono il fiato.

 

  • Artistici - Culturali
  • Religiosi

immagine della tappa a Mercogliano

Immagine di Mercogliano

Il tour inizia dal Santuario di Montevergine, nei pressi di Mercogliano, paese ubicato a circa 6 Km di distanza da Avellino, sulla SS374. Si può visitare l'antica Basilica in stile gotico e la più moderna Basilica Cattedrale, oltre ad un museo. Il santuario, raggiungibile con una funicolare, sorse nel luogo in cui si ritirò in eremitaggio Guglielmo da Vercelli. Nelle immediate vicinanze si può visitare anche lo splendido Palazzo Abbaziale di Loreto. Spostatevi ora a Montella, raggiungibile da Napoli e gli altri centri importanti della Campania attraverso la SS Ofantina bis.

immagine della tappa b Montella

Immagine di Montella

Passeggiando nel suggestivo centro storico di Montella potrete ammirare la Collegiata di Santa Maria del Piano, edificata nel XVI secolo, ma rimaneggiata nel corso dei secoli e parzialmente ricostruita dopo il terremoto del 1980.

Il luogo di maggiore attrazione turistica è il Santuario del SS Salvatore, che si trova fuori l'abitato, a 5-6 Km di distanza. Una strada porta sulla sommità della montagna dove si trova l'edificio di culto che attrae sempre numerosissimi fedeli. Già la sua ubicazione, in alto, in mezzo ai monti e ai boschi, permette di essere trasportati in un'atmosfera fuori dal tempo e totalmente dedicata alla spiritualità e alla preghiera. Potete riprendere l'automobile e dirigervi verso la seconda tappa del tour, Sant'Angelo dei Lombardi, a circa 25 Km. Percorrete la SS164 dopo essere usciti da Montella e a circa metà percorso prendete la SS7.

immagine della tappa c Sant'Angelo dei Lombardi

Immagine di Sant'Angelo dei Lombardi

Sant'Angelo dei Lombardi è stato uno dei comuni più colpiti dal terribile terremoto che interessò l'Irpinia nel 1980. Nel centro storico si possono comunque vedere edifici storici restaurati, come la Cattedrale, con portale romanico, e i resti del Castello. Uscendo dal paese di pochi chilometri e seguendo le indicazioni, potrete visitare un luogo di incredibile bellezza, l'Abbazia di Goleto, creata per la prima volta nel XII secolo. Potrete visitare il complesso che include una chiesa inferiore romanica e la superiore Cappella di San Luca. Le strutture nel loro insieme raggruppano tanti stili ed epoche, formando un vero gioiello dell'architettura e dell'arte.

Per raggiungere la prossima tappa del tour, dovrete prendere la SP 29, poi imboccare la SS425 e percorrerla per circa 5 Km, fino ad uscire sulla SS303 che seguirete per 20 Km.

immagine della tappa d Grottaminarda

Immagine di Grottaminarda

Il santuario di Grottaminarda, a 5 Km dal centro del paese, è stato totalmente ricostruito dopo il terremoto del 1980, pur restando nel cuore dei fedeli una meta importante di pellegrinaggio. Il luogo è legato ad un miracolo avvenuto grazie alla Vergine: una pioggia che interruppe nel 1859 un periodo di forte siccità. La struttura ospita convegni e ritiri spirituali di chi ne faccia richiesta.

Potete ora riprendere il cammino per l'ultima tappa del nostro tour, Ariano Irpino. Uscite da Grottaminarda prendendo la SS90 e percorretela per 6,6 Km. Svoltate a sinistra restando sulla stessa strada per altri 3 Km, poi girate a destra sulla SS414.

 

immagine della tappa e Ariano Irpino

Immagine di Ariano Irpino

Il tour termina nel cuore di Ariano Irpino, con la visita della meravigliosa Cattedrale, che possiede una facciata di straordinaria bellezza in stile romanico rinascimentale. Dal 1984 è stata denominata “Basilica Minore” da Giovanni Paolo II.

A pochi chilometri dal centro abitato, si trova anche il Santuario di Valleluogo, costruito nel luogo di un'apparizione mariana che comportò nel tardo Medioevo la guarigione di una ragazza. All'interno dell'edificio si conserva una statua della Madonna risalente al XV secolo.

Lascia un commento

Commenti e suggerimenti dei visitatori:

valeria11/11/2013 11:52

magnifico questo itinerario! Grazie mille! Lo proverò al più presto.