Home

Preseleziona la ricerca

Acitrezza e Aci Castello : tra storia, mito e paesaggi incantevoli.

Acitrezza e Aci Castello sono due piccoli borghi marinari affacciati su un mare incantevole, caratterizzati da paesaggi naturali unici e arricchiti da spunti letterari e mitologici altrettanto eccezionali.
  • Artistici - Culturali
  • Natura e Relax
  • Automobile
  • Bicicletta

immagine della tappa a Acitrezza (Frazione di Aci Castello)

Immagine di Acitrezza (Frazione di Aci Castello)

L’itinerario ha inizio da Acitrezza, piccolo borgo di pescatori che è divenuto noto grazie al romanzo di Giovanni Verga “I Malavoglia”(1881) divenendo importantissima località di villeggiatura e porto turistico sulla “Riviera dei Ciclopi oltre che meta di interesse naturalistico per la presenza della riserva naturale dell’Isola Lachea e dei famosi Faraglioni dei Ciclopi.

Il cuore del borgo è costituito da Piazza Giovanni Verga su cui si affaccia la Chiesa Matrice di San Giovanni Battista (XVIII sec. d.C.). A pochi passi dalla Chiesa in all’interno di una vecchia abitazione del centro storico si trova il Museo “La Casa del Nespolo(XIX sec. d.C.), caratterizzato da un cortile, un piccolo orto e due stanze, una, intitolata “La terra trema”, dedicata al capolavoro di Visconti, l’altra, “Stanza dei Malavoglia”, caratterizzata da testimonianze del mondo dei pescatori di Trezza della metà dell’Ottocento.

Da qui si consiglia una passeggiata sul lungomare dei Ciclopi con i suoi spettacolari Faraglioni, celebri scogli basaltici nati da eruzioni sottomarine, ed il pittoresco porto con panorama mozzafiato sull’Isola Lachea.

immagine della tappa c Aci Castello

Immagine di Aci Castello

Imboccando la SS 114 in direzione Catania dopo pochi chilometri si incontra l’antico borgo marinaio di Aci Castello trasformatosi negli ultimi anni in una prestigiosa località balneare e turistica. L’elemento caratterizzante questo centro è indubbiamente l’imponente Castello Normanno (XI sec, d.C.), realizzato su un costone di lava basaltica a strapiombo sul mare, che sembra quasi avere le sembianze del la prora di una nave arenata nella sottostante piazza. Il Castello al suo interno ospita il Museo Civico costituito da tre sezioni distinte di mineralogia, paleontologia e archeologia.

 

Lascia un commento

Commenti e suggerimenti dei visitatori:

paolo19/03/2014 09:52

In questi luoghi il tempo sembra essersi fermato!