Home

Preseleziona la ricerca

Dalle coste all'Aspromonte

Da Tropea a Gambarie, passando per Ricadi, Spilinga e Scilla Un itinerario che ci porta dalla Costa Viola alle vette dell’Aspromonte, tra le località più apprezzate dai turisti “estivi” e le località preferiti dei puristi della neve. Si parte da Tropea, perla del turismo calabrese, conosciuta in Italia e nel Mondo, per arrivare ad Gambarie, località turistica invernale, rinomata per le sue piste da sci e il suo stupendo panorama naturale.
  • Artistici - Culturali
  • Natura e Relax
  • Moto
  • Automobile

immagine della tappa a Tropea

Immagine di Tropea

Prima tappa è Tropea. Rinomata località della Costa degli Dei, famosa per le sue spiagge e calette bagnate da un mare cristallino, nonché per la produzione della Cipolla Rossa. Sorge su un promontorio fra i Golfi di Gioia e di Sant'Eufemia: una posizione magica che dona a Tropea un'incredibile varietà di ambienti. Fra le discese a mare più famose la Spiaggetta della Linguata, "a Cava", "u Bacino", i "Cantini". Il centro storico è un susseguirsi di edifici storici: i Palazzi Signorili con gli imponenti portali; il Palazzo Toraldo che un tempo era un castello e che oggi conserva la collezione archeologica di Tropea, la Cattedrale Normanna, i sei "balconi", affacci panoramici sul mare. Il vero simbolo di Tropea è però il Santuario della Madonna dell'Isola, antica meta di pellegrinaggi collocata su una penisoletta ai piedi della città.

immagine della tappa c Capo Vaticano (Ricadi)

Immagine di Capo Vaticano (Ricadi)

Proseguendo lungo la costa si arriva sullo scoglio di Capo Vaticano nel territorio di Ricadi, un borgo adagiato sull'altopiano del Monte Poro. Qui i litorali sono il vero fiore all’occhiello del territorio. La Spiaggia Occhiali prende questo nome proprio da due buchi che sembrano due occhiali, la Baia di Riaci è una lunga distesa di sabbia, la Spiaggia Volo du Corvaru è attigua a una rupe a strapiombo dove i corvi nidificano. C'è anche la Baia di Formicoli, paradiso per i subacquei. Per gli appassionati della cucina calabrese e dei sapori forti, merita una deviazione verso l'entroterra il paese di Spilinga.

immagine della tappa d Spilinga

Immagine di Spilinga

È in questo borgo che si può trovare l'originale "nduja" calabrese, il piccantissimo insaccato di maiale dal colore rosso fuoco. Il suo nome deriva probabilmente da Spelunga, in greco terra ricca di grotte. Il toponimo le deriva proprio da questa peculiarità del territorio dove spesso si sono fermati gli eremiti, facendone il proprio luogo di preghiera. La grotta più importante, oggi, è quella che è stata trasformata in Santuario per la venerazione della Madonna della fontana.

immagine della tappa e Scilla

Immagine di Scilla

Abbandonata la Costa degli Dei si scende tornando sul litorale per arrivare alla Costa Viola, dove il colore del mare al tramonto sembra colorarsi di viola. Qui si trova Scilla, famosa fin dall'antichità insieme a Cariddi, sulla sponda opposta: la leggenda racconta che in queste due località si trovassero dei mostri pronti a divorare gli incauti navigatori dello stretto. La città ha due anime: la Marina Grande con il suo stile contemporaneo che si oppone al Rione Chianalea, l'antico borgo di pescatori con le sue discese a mare e le case di pescatori che sembrano poggiate sull'acqua. A dividere le due anime di Scilla, il Castello Ruffo, una delle fortezze più bella di Calabria.

italiavirtualtour.it consiglia

immagine della tappa c Gambarie ( Santo Stefano in Aspromonte)

Immagine di Gambarie ( Santo Stefano in Aspromonte)

Bastano pochi chilometri per arrivare a Gambarie e ritrovarsi in un paesaggio alpino, in una stazione sciistica alle porte del Parco Nazionale di Aspromonte. Se d'inverno qui si scia, d'estate si possono affrontare le decine di percorsi di trekking all'interno di questo ambiente incontaminato, tra pinete e faggi. E per rivedere il mare, questa volta da lontano, basta prendere la seggiovia che porta sulle vette del Monte Scirocco e del Monte Nardello. Salendo fino in cima il panorama si fa mozzafiato, dalle meraviglie del verde dei boschi al blu del mare della Costa Viola, fino alle sponde siciliane che per un’illusione ottica sembrano attaccate alla terraferma.

Lascia un commento

Commenti e suggerimenti dei visitatori:

vale03/07/2013 16:00

Bellissimo!!