Home

Preseleziona la ricerca

Passeggiata urbana alla scoperta delle chiese romaniche di Rieti

Un itinerario affascinante che ci condurrà attraverso i luoghi sacri del romanico nel centro storico di Rieti. Visiteremo maestosi esempi di austerità architettonica che custodiscono, come solidi scrigni, tesori di artisti di tutte le epoche regalandoci atmosfere particolari e offrendoci il biglietto per un viaggio attraverso la storia e l’arte.
  • Artistici - Culturali
  • Territoriali
  • Religiosi
  • Bicicletta
  • Pedoni

immagine della tappa a Chiesa di San Domenico – Piazza Beata Colomba

Immagine di Chiesa di San Domenico – Piazza Beata Colomba La prima tappa del nostro tour alla scoperta dei più bei luoghi del romanico a Rieti, è la Chiesa di San Domenico. Parcheggiamo l’auto appena fuori le mura, in piazza Guglielmo Marconi, per poi proseguire a piedi per un percorso totale di poco più di 2 km. Entriamo attraverso l’antico accesso di Porta Cintia e prendiamo Via Cintia. Pochi metri e giriamo alla prima stradina a destra che ci condurrà su Piazza Beata Colomba, all’ingresso del centro storico.
Riconsacrata e riaperta ai fedeli nel 1999, impressiona la grande e austera architettura esterna che sovrasta le modeste dimensioni dello spazio su cui sorge riempiendolo quasi completamente. Il suo interno, ad un primo sguardo, ci appare spoglio e rimaneggiato dalle recenti, e necessarie, ristrutturazioni. Tuttavia è affascinante cercare di intuire dalle poche tracce di affreschi ancora presenti sulle pareti laterali (la maggior parte sono conservati presso il Museo Diocesano) i soggetti, per lo più sacri, dipinti da grandi autori del passato. Una presa di coscienza di quale prezioso patrimonio sia andato perduto a causa di anni di saccheggi e trascuratezza. In fondo a tutto, dietro all’altare, regnano sovrane le quattromila canne dorate del magnifico Organo Dom Bedos-Roubo, costruito di recente su un modello originale del 1700, regalando una luce particolare all’intero edificio.

immagine della tappa b Cattedrale di Santa Maria Assunta – Piazza Cesare Battisti

Immagine di Cattedrale di Santa Maria Assunta – Piazza Cesare Battisti Risalendo da Via Cintia verso il centro di Rieti, superato l’edificio della Curia Vescovile, proseguiamo per l’annessa Cattedrale di Santa Maria Assunta, che domina la bella Piazza Cesare Battisti, nel punto più alto del centro storico di Rieti.
Imponente edificio dalle architetture romaniche e sede di una delle sezioni del Museo Diocesano, la Cattedrale è costituita da tre ambienti: chiesa, cripta e battistero. Entrando dal portale principale della Basilica Superiore, splendido è l’impatto visivo sul visitatore che rimane colpito dalla differenza tra la luce esterna e la luminosità dei marmi delle pareti e dei colori delle tante opere d’arte che arricchiscono le otto cappelle delle due navate laterali: affreschi antichi, stucchi, statue e tele di pregio di varie epoche, dal rinascimento al 1800. Particolare anche l’atmosfera che si respira scendendo nella Basilica Inferiore: la cripta, un ambiente silenzioso dalle linee semplici, su cui insiste una serie di colonne, tra cui una ricavata da una pietra miliare della Via Salaria e nel cui abside intuiamo tracce di antichi affreschi. Terminiamo la visita con il trionfo di pitture che decorano le pareti e le volte a crociera del Battistero di San Giovanni in Fonte, una struttura duecentesca a pianta rettangolare ornata da statue lignee realizzate tra il 1300 e il 1600.

immagine della tappa c Chiesa di San Francesco – Piazza San Francesco

Immagine di Chiesa di San Francesco – Piazza San Francesco Da qui proseguiamo la nostra passeggiata “sacra” perdendoci nei vicoletti che si snodano a sinistra della centralissima Via Roma, a poche centinaia di metri dalla Cattedrale, per raggiungere la Chiesa di San Francesco, nei pressi del fiume Velino, affacciata sull’omonima piazza e mimetizzata nella monocromia di colori e di linee dritte e romaniche che domina lo stile architettonico dell’intero spazio esterno. L’austerità della facciata contrasta con la ricchezza degli affreschi che decorano le pareti delle navate e l’abside, alcuni di scuola giottesca, altri in fase di restauro, il cui soggetto principale è il Santo di Assisi.

immagine della tappa d Basilica di Sant'Agostino – Piazza Mazzini

Immagine di Basilica di Sant'Agostino – Piazza Mazzini Risaliamo a questo punto in direzione di Via Garibaldi, per raggiungere l’ultima tappa del nostro tour attraverso il romanico reatino. Attraversiamo il corso e prendiamo Via Peschiera e Via Potenziani, attraversiamo Piazza Oberdan fino a Piazza Mazzini dove ammireremo un altro esempio di architettura religiosa romanica: la Basilica di Sant’Agostino. Nonostante sia inserita in uno spazio decisamente ampio, fra piazza Mazzini e Piazza Oberdan, entrambe a pianta rettangolare, l’imponente e massiccio edificio agostiniano non sfigura in dimensioni, dominando la scena nella parte “bassa” del centro storico di Rieti.
Come in tutte le chiese precedenti, anche qui è forte il passaggio dall’esterno all’interno della basilica, quest’ultimo piuttosto grande, costituito da un’unica navata che culmina con ben tre absidi, un austero e resistente scrigno che conserva pregevoli tesori, tra statue, sculture, antichi affreschi e tele dai colori talvolta cupi, illuminati dal caleidoscopio di luci che filtrano dalle bifore con vetrate policromatiche finemente dipinte, regalando quell’atmosfera mistica e tendente al gotico tipica dello stile romanico. Da piazza Oberdan prendiamo, infine, via Terenzio Varrone che ci riporterà nei pressi di Porta Cintia, punto di arrivo e partenza della nostra passeggiata urbana.

Lascia un commento

Commenti e suggerimenti dei visitatori:

gabriella04/10/2013 15:31

Bellissime le chiese di Rieti! Ma è vero che in quella di San Francesco hanno finito di restaurare gli affreschi di Giotto?