Home

Preseleziona la ricerca

Chiesa di San Benedetto

A Roiate si trova la celebre Chiesa di San Benedetto, dove oggi è ancora custodito un masso che riporta l’Impronta del corpo del Santo, lunga cm 170, larga 45 e profonda 40, ove su esso si adagiò durante il periodo di peste a Subiaco. La storia racconta che San Benedetto, giunto a Roiate, stanco per il lungo viaggio e per il caldo afoso, domandò di entrare in paese per riposarsi, prima di attraversare la montagna per scendere a Subiaco. Gli abitanti, timorosi per la peste, che in quei giorni devastava i dintorni mietendo vittime, gli proibirono di entrare.

Il Santo allora andò a riposarsi fuori dal paese, all’ombra di un albero, distendendosi su un masso di durissima pietra. Quella pietra tanto cedette al suo peso, da ricevere in modo evidente l’impronta di tutto il corpo del Santo e perfino le pieghe delle vesti, come se le avesse incise la mano di uno scultore.

Da quella pietra, dove San Benedetto lasciò impresso il suo corpo, scorrono stille di sudore che viene raccolto in ampolle e con esso si è soliti ungere gli occhi dei malati e qualunque altra ferita, invocando l’aiuto di San Benedetto. Nel 1884 un chimico francese fece esaminare il liquido, che risultò essere sudore umano. L’ultima delle cosiddette “sudorazioni” è avvenuta nel 1980, e in quell’occasione ci fu il terremoto dell’Irpinia. Testimone oculare Don Stanislao Andreotti, allora vescovo di Subiaco.

Indirizzo: Via Vittorio Veneto, 12 – 00030 Roiate (RM)



Lascia un commento