Home

Preseleziona la ricerca

La Sabina e la provincia di Rieti

Itinerari Turistici

Cattedrale di Santa Maria Assunta Lago di Paterno  Eremo di San Cataldo Museo Civico Cattedrale di Santa Maria Assunta

La Madre di Roma
e la Provincia di Rieti
con i 73 comuni

Rieti
Cattedrale di Santa Maria Assunta

La Madre di Roma
e la Provincia di Rieti
con i 73 comuni

Castel Sant'Angelo
Lago di Paterno

La Madre di Roma
e la Provincia di Rieti
con i 73 comuni

Cottanello
Eremo di San Cataldo

La Madre di Roma
e la Provincia di Rieti
con i 73 comuni

Rieti
Museo Civico

La Madre di Roma
e la Provincia di Rieti
con i 73 comuni

Poggio Mirteto
Cattedrale di Santa Maria Assunta

"La Sabina": aree geografiche

Eco-sostenibilità, olio, agricoltura ed acqua: sono queste le parole d’ordine della Sabina. Una regione storico-geografica dell’Italia centrale e che oggi coincide per gran parte con il territorio della provincia di Rieti.

La Sabina regala un interessante connubio di storia e natura come l'Abbazia di Farfa, Greccio sulle tracce di San Francesco, le sue oasi naturalistiche come i Laghi del Salto e del Turano, l'ulivo più longevo d'Europa a Canneto, l'Alta Valle del Velino.

Cucina

I sapori antichi della Sabina

I sapori tipici della Sabina risentono delle contaminazioni delle molteplici influenze locali e dalla commistione di tutte le tradizioni proprie delle genti che da secoli ne popolano il territorio. Da qui ne viene fuori un’alimentazione di estrazione popolare che ha come filo conduttore l’olio extravergine d’oliva, ma anche altri prodotti tipici di alta qualità. cucina della sabina

La Sabina vanta un patrimonio invidiabile di funghi porcini e tartufi che si trovano soprattutto nelle numerose zone umide dei monti. Così come rilevante è anche la produzione delle castagne, rinomata è la varietà “rossa del Cicolano”. Naturalmente trovano spazio all'interno della cultura culinaria Sabina anche le patate, i legumi ed i cereali.

 

Piatti e prodotti tipici

La cucina “made in Sabina” è di chiara estrazione popolare, robusta e saporita, ricca di ricette e piatti tradizionali basati su prodotti tipici di alta qualità come l'olio extra vergine d'oliva, le castagne, i funghi, i tartufi, le patate, le carni, alcuni legumi, ma anche i formaggi ed i salumi, di cui ogni zona vanta numerose e gustosissime varietà. cucina della sabina

Spiccano l'Amatriciana, uno dei piatti più famoso al mondo, specialità di Amatrice; la pasta alla Gricia, i Maccheroni a fezze o Jaccoli, gli Stracci di Antrodoco, le Fregnacce alla sabinese, gli Strengozzi alla reatina e le Sagne scandrigliesi.

Una delle ricette tipiche sono i “Fritelli” di cavolo che vengono fritti in un pastella e cucinati saggiare il primo olio.

Ottima anche la Porchetta di Poggio Bustone e di Selci, i pecorini stagionati di Accumoli, le patate di Leonessa, sapori e gusti che potrete scoprire presso i ristoranti tipici della zona o visitando le Sagre che si svolgono nei paesi durante tutto anno.

 

Ricette

Una cucina, quella Sabina, nella quale occupano un posto di rilievo soprattutto i salumi (lonza, capicollo e prosciutto) che spesso sono accompagnati dalla bruschetta, arricchita all’occorrenza con salsa tartufata o tartufo grattugiato.

I primi piatti sono caratterizzati da pasta all’uovo quali tagliatelle, tagliolini, cannelloni, ravioli, ma non manca quella composta da pasta fatta solo con acqua e farina che da’ forma a fregnacce, strengozzi, strozzapreti, fezze, falloni e sagne.

L’allevamento ovino, caprino, suino e bovino della Sabina fornisce la materia prima per piatti gustosi quali il castrato di montagna, l'abbacchio, l'agnello, il capretto, le salsicce. Mentre dall'allevamento suino deriva una delle specialità più apprezzate del reatino: la porchetta.

Anche le ricette a base di pesce rivestono un ruolo nella tradizione culinaria della Sabina: i gamberi di fiume rappresentano una materia pregiata, così come la rana ricercata e cucinata in diversi modi. La trota di fiume e di lago, il persico reale, il coregone, l'anguilla, la carpa, la tinca ed il luccio trovano spazio sia sulle tavole dei pescatori che dei ristoranti.

Vasta è anche la scelta di formaggi. Infine la tradizione dolciaria annovera specialità di vecchia tradizione nei biscotti secchi come i terzetti, i turchetti, gli amaretti e le copete.