Home

Preseleziona la ricerca

Centro Storico - Ortona dei Marsi Parco Comunale Villabella - Collelongo Chiesa di San Bartolomeo - Cerchio Torre delle Stelle - Aielli

In battaglia, senza i Marsi o contro i Marsi, Roma non può trionfare


Centro Storico - Ortona dei Marsi

In battaglia, senza i Marsi o contro i Marsi, Roma non può trionfare


Parco Comunale Villabella - Collelongo

In battaglia, senza i Marsi o contro i Marsi, Roma non può trionfare


Chiesa di San Bartolomeo - Cerchio

In battaglia, senza i Marsi o contro i Marsi, Roma non può trionfare


Torre delle Stelle - Aielli

"La Marsica": i comuni

Cultura

La Marsica è caratterizzata da sempre da elementi agricoli e montani legati alla pastorizia, presenti e vivi ancora oggi sul territorio. La conca del Fucino, e ciò che rimane dell’antico lago prosciugato, hanno però modificato la cultura del territorio, trasformandolo in una delle zone più fertili e produttive del centro Italia.

paesaggio della Marsica

Lungo i versanti montani e collinari, è possibile ammirare ancora oggi lo splendore dei tratturi, gli antichi percorsi erbosi che i pastori percorrevano con le greggi nel periodo della transumanza, fino ad arrivare al Tavoliere delle Puglie, visibili sono anche le cosiddette “pagliare”, delle semplici costruzioni in pietra utilizzate dagli stessi pastori durante lo spostamento. Questa sorta di rituale stagionale influenzava fortemente la cultura ed i dialetti utilizzati per secoli da uomini e donne, infatti la transumanza separava fisicamente e culturalmente i due sessi per circa metà anno, mentre le donne restavano in montagna ad occuparsi dei figli e degli anziani, gli uomini si mettevano in viaggio, tornando ogni volta con dialetti e abitudini culturali diverse.

la cultura marsicana

Di notevole interesse anche le tradizioni religiose e folkloristiche della Marsica, che rispettano ancora oggi l’immaginario devozionale popolare di un tempo, dalle celebrazioni della Settimana Santa, alla festa di Sant’Antonio Abate consumata accendendo falò a devozione del santo e cucinando prodotti tipici, dopo aver percorso il centro storico in processione e con i cosiddetti “carri musicali”.