Home

Preseleziona la ricerca

Banchina San Domenico Porto di Giovinazzo Chiesa del Purgatorio Chiesa del Calvario Basilica di San Nicola

Bari e la sua conca

Molfetta
Banchina San Domenico

Bari e la sua conca

Giovinazzo
Porto di Giovinazzo

Bari e la sua conca

Palo del Colle
Chiesa del Purgatorio

Bari e la sua conca

Molfetta
Chiesa del Calvario

Bari e la sua conca

Bari
Basilica di San Nicola

"Bari e la sua conca": aree geografiche

Bari si affaccia sul Mar Adriatico tra Giovinazzo e Mola di Bari, con il suo territorio al centro di una vasta area pianeggiante, la Conca di Bari, che spingendosi per alcuni chilometri nell'entroterra incontra i primi pendii della Murgia, e in particolare comprende: Bitonto, Bitritto, Modugno, Terlizzi e Turi; mentre i comuni costieri della Terra di Bari, l’antica provincia del Regno di Napoli, sono Molfetta, Giovinazzo, Mola di Bari, Polignano a Mare, Monopoli, Conversano, oltre che Bari, la cui conformazione ricorda un'aquila con le ali spiegate, dove la testa è la piccola penisola sulla quale è sorto il primo nucleo urbano, Bari vecchia. Bari e la sua Conca dunque comprendono 48 comuni, ciascuno con le proprie caratteristiche ambientali, le proprie tradizioni storiche e culturali e un ricco patrimonio artistico ed enogastronomico, dove la pietra locale utilizzata per costruire case e monumenti conferisce il tipico colore bianco a tutto l’entroterra con le splendide cattedrali romaniche, come la Basilica di San Nicola a Bari, che sono suggestivi esempi di un’arte romanica contaminata dalle influenze bizantine. Il territorio è caratterizzato da un ambiente di grande impatto storico e naturalistico dove boschi, uliveti, mandorleti e vigneti si alternano alle grotte, alle cattedrali, alle zone archeologiche, ai monumenti megalitici e alle splendide spiagge incorniciate da un mare azzurrissimo.

Cucina

IL MARE, LA TERRA E LA MANUALITA’ (I prodotti tipici e l’artigianato)

La provincia di Bari è una terra disseminata di uliveti e mandorli alternati a pietre e natura selvaggia, dove mare e terra si incontrano sulla tavola offrendo sapori indimenticabili con una cucina imperniata sul patrimonio ittico e sul profondo legame con i prodotti della terra e delle antiche tradizioni, dove la pasta, la regina dei primi piatti, nei formati più originali, è preparata semplicemente con acqua, farina e sale dando vita alle orecchiette, ai cavatelli e ai fricelli, che lavorati artigianalmente hanno la forma e la consistenza giusta per assorbire i gustosi condimenti a base di verdure, pesce o carne, accompagnati anche dal prezioso olio extravergine di oliva Terra di Bari DOP. Tra i prodotti tipici di quest'area vi sono anche ma anche dalle pregiate olive dolci Termite di Bitetto, condite con sale, aceto, olio, spezie ed erbe naturali.

cultura di bari e la sua conca

Il paesaggio di ulivi si infittisce quando ci si avvicina a Bitonto, la città produttrice di olio extravergine d'oliva per eccellenza dove si produce un olio tra i migliori in Italia dal sapore molto gradevole con il colore giallo intenso tendente al verde nel quale si riconosce il profumo e il sapore di frutto con residuo sentore di mandorla. Ottima è anche la produzione vitivinicola dove spiccano soprattutto Adelfia e Rutigliano che tengono a settembre la Sagra dell’uva. Rutigliano tuttavia è celebre anche per la tradizionale attività figulina legata ai tegami di creta per la cottura di vivande e per la produzione dei tipici "fischietti" in terracotta, finissime opere frutto dell’abilità manuale e della fantasia dei locali artigiani che, dipinti con i colori più vivaci, si ispirano a soggetti animali o rappresentano l’esagerazione di vizi e virtù umane. Ancora oggi la tradizione vuole che il fidanzato regali alla sua amata un fischietto a forma di gallo in occasione della Festa di Sant’Antonio Abate, protettore delle ragazze da marito e degli animali, come pegno d’amore, in tale occasione si tiene la  "Fiera del Fischietto in terracotta città di Rutigliano", il 17 Gennaio di ogni anno.

Tra i piatti tipici della tradizione barese vi è la cialledda, immancabile nelle calde giornate estive, semplice e facile da preparare perché non necessita di cottura ed è un piatto della tradizione contadina “povera”, in cui viene usato il pane come primo ingrediente in una sorta di insalata fredda condita con pomodori, olio, sale e altre verdure dell'orto. Tra gli altri piatti, il purè di fave con cicorie bollite; la pepata di cozze; le seppie ripiene e le cartellate, dolci natalizi costituiti da strisce arrotolate a chiocciola da un impasto di farina, olio, zucchero e cannella, fritte o cotte al forno e quindi immerse nel vin cotto e cosparse con zucchero a velo e cannella. Famose in tutto il mondo e simbolo stesso di Bari sono le orecchiette con le cime di rapa che con ingredienti semplici e “poveri”, ma dal gusto straordinario, fanno godere dei profumi della Puglia in un inno alla "mediterraneità".

Le aree geografiche e i comuni

Bari e dintorni  (2)

Immagine della subarea Bari e dintorni

Da Molfetta a Grumo Appula  (4)

Immagine della subarea Da Molfetta a Grumo Appula