Home

Preseleziona la ricerca

Latina e la sua Provincia

Itinerari Turistici

Complesso Monumentale di Sant'Oliva Marina di Sant'Agostino Cattedrale di San Marco Spiaggia e Mare Torre Truglia

Cori
Complesso Monumentale di Sant'Oliva

Gaeta
Marina di Sant'Agostino

Latino
Cattedrale di San Marco

Sabaudia
Spiaggia e Mare

Sperlonga
Torre Truglia

"Latina e la sua Provincia": aree geografiche

I Lepini sono una catena montuosa contenuta interamente nel Lazio, posta a cavallo tra le province di Latina e di Roma e con una piccola estensione nella provincia di Frosinone; una catena montuosa che offre anche ottime postazioni di decollo per il parapendio come la Spianata di Decollo a Norma dalla quale si gode della splendida vista dall’alto dell’antica città romana.

La peculiare conformazione, unita alla vicinanza del mare, ha creato una grande varietà di microclimi, ma soprattutto questi monti rappresentano un esempio importante, unico nel centro Italia, di un fenomeno geologico tipico del nord Italia: il carsismo.

I Lepini però non sono solo natura, ma anche cultura, storia e tradizione: è in questi luoghi che si incontrano edifici di culto come la Chiesa di Sant’Antonio Abate a Priverno, rocche e monumenti che catturano e affascinano come il Tempio di Castore e Polluce a Cori, l’Abbazia del Valvisciolo a Sermoneta e i tesori custoditi nel Museo Diocesano d’Arte Sacra a Sezze.

Alcuni paesi sono dominati da palazzi che un tempo furono di principi e baroni: il Castello Caetani di Sermoneta ne è l’esempio più eloquente, ma anche il Palazzo Baronale di Maenza, quello di Roccasecca dei Volsci, il castello di Priverno e le altre dimore dei signori di un tempo meritano tutte una visita.

Da non perdere sono poi i tanti resti preistorici custoditi nei diversi musei, le Mura Ciclopiche di Cori, di Norma, di Sezze, di Artena e i resti degli edifici romani disseminati nel Parco Archeologico Antica Norba, molto spesso immortalati nelle descrizioni e negli schizzi dei viaggiatori stupiti di fronte a tanta bellezza e maestosità.

I Lepini sono stati terre di santi, papi e cardinali che hanno incentivato la costruzione di stupende chiese, colme di opere d’arte, come ad esempio la Casa natale di San Carlo a Sezze.

Ma scendendo le pendici dei Monti Lepini verso il mare, il territorio assume tutt’altro aspetto è l’agro-pontino con le sue distese di pianura bonificata, oggi centro nevralgico dell’agricoltura made in Italy, ad accoglierci con le sue architetture del novecento e con la sua costa lunga oltre 100 chilometri e che offre ai turisti alcune delle spiagge più belle di tutto il litorale laziale, come ad esempio le dune di sabbia finissima di Sabaudia, Latina, San Felice Circeo e Ponza che rientrano, tra l’altro, nei confini del Parco Nazionale del Circeo e che comprende anche i 4 laghi costieri di Fogliano, dei Monaci, di Caprolace e di Paola, e numerose aree archeologiche e monumentali, la più spettacolare delle quali è senza dubbio la villa dell’imperatore Domiziano sul lago di Paola.

La lunga storia porta con sé tradizioni che rivivono nelle feste di paese che sono dei veri viaggi nel tempo, ma anche a tavola la tradizione è protagonista e i piatti tipici della cucina contadina sanno stregare i palati più esigenti dove le olive e l’olio, il vino, i tartufi e i marroni sono solo alcuni esempi di ciò che impreziosisce le tavole e i piatti della zona.

Cucina

Dagli animali un tempo utilizzati per lavorare la terra oggi ne derivano i prodotti più sani e genuini del territorio della provincia di Latina dove pregiata è la mozzarella di bufala di Priverno, ma il suo gioiello culinario è la falia, una gustosa pizza bianca salata, ottima se assaporata con i broccoletti locali.

Tra gli elementi caratterizzanti la gastronomia della Provincia di Latina ci sono per certo le lenticchie di Ventotene che, con quelle di Castelluccio, sono tra le più pregiate in Italia.

storia di latina

Una cura particolare è dedicata alla produzione dei formaggi, in particolare il fiordilatte pontino e la mozzarella di bufala.

Nella Provincia di Latina si producono anche caciocavallo affumicato e bianco, ricotta di bufala, caciotta di bufala al peperoncino, caciotta di capra, di mucca, caprini, fior di latte, bocconcini, provoloni di bufala, ricotta mista. Un altro prodotto rinomato è il Formaggio Marzolina, prodotto con il latte delle capre bianche di Monte San Biagio.

Tra gli antichi sapori della tradizione locale, la pasta all'uovo di Roccagorga rimane la protagonista della tavola, un connubio di arte e tradizione che si sposa bene con i sughi preparati da queste parti.

In Provincia ci sono poi prodotti agricoli molto particolari, come la coltivazione del sedano bianco e dell'uva da vino per la produzione del Moscato di Terracina.

Il prosciutto di Bassiano è una vera e propria specialità e saporitissime sono le “lacchene” e fagioli, nella Sagra di gennaio dedicata a questa caratteristica pasta fatta a mano.

Prodotto caratteristico della zona di Sezze, Sermoneta e Priverno è il carciofo, la cui varietà romanesca del carciofo che ha ottenuto l’IGP nel 2002, tenero, tondeggiante e senza spine dal gusto dolce che contribuisce a rendere speciale il percorso gastronomico di questi territori. Poi la passione gastronomica del buongustaio si esalta quando può immergersi nel gusto e nel profumo del porcino di Roccamassima raccolto tra gli irti pendii contornati dai folti boschi di lecci e di querce.

Da qualche decennio poi il cioccolato è diventato il prodotto tipico per eccellenza di Norma che ad esso ha dedicato "Il Museo del Cioccolato".

Considerata nell'antichità il "pane dei poveri", la polenta è oggi uno dei piatti più gustosi e meglio conservati della tradizione culinaria lepina e Sermoneta è il luogo che meglio ha valorizzato questa pietanza arricchendola con sughi speciali e ricette tipiche.

Nel settore alimentare Monte San Biagio vanta la produzione di diversi insaccati come la rinomata salsiccia al coriandolo

Infine il sapore autentico e genuino dell’olio di oliva si può gustare sul semplice pane artigianale di Cori nella Festa “Non solo Olio” che si tiene a novembre. Restando a Cori da qui è possibile anche partire alla scoperta dei vini dell’agro-pontino. Tre eccellenze enologiche locali: il Cincinnato, il Carpineti e la Pietra Pinta. Ma produzioni eccellenti si rintracciano anche a Cisterna, Aprilia, Latina ed a Terracina con la produzione del già citato Moscato.

Le aree geografiche e i comuni

Agro Pontino  (6)

Immagine della subarea Agro Pontino
  • Aprilia
  • Cisterna di Latina
  • Latina

Monti Lepini  (12)

Immagine della subarea Monti Lepini
  • Prossedi
  • Roccagorga
  • Rocca Massima
  • Roccasecca dei Volsci
  • Sermoneta

La Riviera di Ulisse  (10)

Immagine della subarea La Riviera di Ulisse