Home

Preseleziona la ricerca

Mare e arte: da Salerno a Castellabate

Da Salerno a Castellabate, passando per Vietri sul Mare Le immagini del paradiso non si discostano molto dai centri toccati da questo itinerario di due giorni. Non solo mare turchese, con numerosi riconoscimenti come la Bandiera Blu, ma anche angoli carichi di storia, atmosfere medievali, chiese e palazzi antichi. Il tutto ravvivato dall'allegria naturale della gente che vi abita e che saprà offrirvi un'accoglienza senza paragoni.
  • Artistici - Culturali
  • Moto
  • Automobile

immagine della tappa a Salerno

Immagine di Salerno

Il nostro tour inizia da Salerno, che potrete raggiungere percorrendo la A1 Napoli-Salerno o la A3 Salerno – Reggio Calabria. Iniziate la visita della città dal bel Lungomare Trieste lasciando l'automobile all'altezza di Piazza della Concordia: davanti ai vostri occhi si aprirà la vista, unica al mondo, del Golfo di Salerno e del primo tratto della Costiera Amalfitana. Dirigetevi su questa strada verso il centro, fino a raggiungere la bella zona verde della Villa Comunale. Adiacente ad essa si trova Piazza Amendola. Da qui prendete Via Roma e girate per una stradina traversa, Via dei Canali, che vi porterà all'Arco di Arechi, resto di un edificio di VIII secolo, e alla Chiesa di S. Salvatore. Passeggiate tra i suggestivi vicoli del centro storico che vi porteranno alla Chiesa di S. Pietro a Corte, risalente al XVI secolo, e a pochi passi al Duomo, in Piazza Alfano I. Il campanile risale al XII secolo. Da qui prendete Via dei Genovesi che si dirige verso il mare e girate a sinistra su Via dei Mercanti, fino alla Chiesa del Crocifisso, risalente all'anno Mille, ma modificata nei secoli. All'interno si conservano affreschi del Quattrocento. Poco più avanti girate a sinistra su Via Velia, fino a raggiungere i resti dell'Acquedotto medievale, in Via Arce.

A questo punto potete fermarvi in un ristorante del centro per degustare alcune specialità locali: immancabile un assaggio dei famosi latticini, come la mozzarella di bufala.

Dopo pranzo, prendete l'automobile e raggiungete la seconda tappa del tour, Vietri sul Mare, che dista appena 5,5 Km. Basterà uscire da Salerno e prendere la SS18 seguendo le indicazioni.

immagine della tappa b Vietri sul mare

Immagine di Vietri sul mare

Bellissima, Vietri sul Mare, si apre sul Golfo di Salerno regalando una vista spettacolare. D'obbligo visitare nel centro i piccoli negozi d'artigianato, le cui ceramiche hanno reso celebre in tutto il mondo questa località. Nel cuore dell'abitato potrete anche visitare il Duomo, dedicato a San Giovanni e costruito nel X secolo, poi più volte rimaneggiato nel corso dei secoli. A Vietri potete fermarvi a dormire in una delle strutture ricettive della cittadina per sfruttare la mattina seguente per qualche ora di relax le spiagge di Marina di Vietri. Potreste scegliere ad esempio l'Hotel La Lucertola, moderno e dotato di ogni servizio, con un'invidiabile ubicazione a picco sul mare.

 

immagine della tappa c Castellabate

Immagine di Castellabate

L'ultima tappa dell'itinerario, Castellabate, si trova a circa 70 Km da Salerno. Dovrete prima percorrere la A3 verso Reggio Calabria, poi seguire la strada verso Battipaglia. Da qui prendete la SS18 e seguite i cartelli per Mattine, Agropoli, poi Castellabate. Il grande valore storico e paesaggistico di questa località fa sì che non solo sia incluso tra i borghi più belli d'Italia, ma addirittura che il suo centro storico faccia parte dei siti “Patrimonio dell'Umanità” del programma Man and Biosphere dell'Unesco. Perdetevi tra le stradine, le piazze, gli archi, le scalette che nel loro insieme permettono di far sentire al turista tutta l'atmosfera di un centro medievale. Alcuni scorci tra i vicoli lasciano intravedere il mare verde-azzurro e la costa a picco ricoperta dalla vegetazione. Il Castello fu costruito nel 1123 ed ha dato il nome al paese: raggiungetelo percorrendo la via in leggera salita. Dalla fortezza potrete anche arrivare alla Basilica di Santa Maria Assunta, con una bella facciata risalente al XVI secolo. Di fronte si trova invece la chiesetta del Rosario, risalente alla seconda metà del XVI secolo. Al centro del paese e dell'intrico d stradine troverete una grande piazza e da lì potrete fermarvi nuovamente ad ammirare la vallata intorno. Il territorio di Castellabate rientra nel Parco Nazionale del Cilento ed ha ricevuto riconoscimenti importanti come la Bandiera Blu. Particolarmente frequentate da turisti italiani ed internazionali sono le spiagge di San Marco e Santa Maria. Potete terminare la giornata con un aperitivo nel bar divenuto celebre grazie al Film “Benvenuti al Sud”, La Piazzetta

 

Lascia un commento

Commenti e suggerimenti dei visitatori:

emanuela10/04/2014 19:50

Posti di indescrivibile bellezza...e come si mangia...! Ci sono stata la scorsa primavera in moto e ci tornerei subito!!!